PRIMA PAGINA

  • LA REALTA’ DI NADIA URBINATI 21 agosto 2018

    Se Leggi Repubblica, capisci perchè in Italia tutti sono bravi a dar lezioni dopo che conoscono il risultato finale (di una partita o di una elezione). Cito un solo articolo (gli altri ripetono sempre e solo lo stesso concetto) della sociologa Nadia Urbinati che dalla Columbia University ci fa conoscere il suo pensiero: « (La sinistra senza popolo) La sinistra al governo non ha mantenuto molte delle sue promesse: non ha sempre operato per la giustizia sociale; non ha ridato forza al pubblico; non è stata sempre dalla parte dei lavoratori e del lavoro; non ha sempre avuto leader capaci, amati e lungimiranti; ha tentennato sui principi e spesso li ha traditi. Questi sono alcuni degli “errori” dai quali partire. Con umiltà e accettando il principio di realtà». Il principio di realtà sarebbe il seguente: Il popolo è quel marito che lasciò la moglie perché lo tradiva. E subito dopo si sposò con una prostituta. Chi vince ha sempre ragione, come il popolo. La storia la raccontano sempre i vincitori. I vecchi critici cinematografici erano soliti scrivere il pezzo senza vedere il finale del film che avrebbe potuto condizionarli.

  • D’AMICO E MINGARDI SULLA TRAGEDIA DI GENOVA 21 agosto 2018

    Stavo attendendo da qualche giorno che le posizioni bucoliche-assistenziali di 5Stelle e LeU si saldassero. Oggi infatti Toninelli & Fassina dicono all’unisono che la rete autostradale va nazionalizzata (3000 km di autostrade all’Anas che non riesce neppure a gestire le nevicate? La pazzia  aumenta). Ritorno al passato dello Stato padrone con boiardi e tangenti? Un’analisi seria di Natale D’Amico e Alberto Mingardi  comparsa su Il Sole 24 ore va quindi letta e ponderata. (…) Ma in un «Paese normale» lo Stato, di cui far rispettare i contratti fra privati è una funzione non secondaria, non annuncia che romperà, unilateralmente, il contratto che lo lega a un concessionario privato. Soprattutto non lo fa mentre ancora non sono chiare le dinamiche dell’incidente.
    Innanzi a un evento così straordinario – un ponte è caduto, senza che vi fosse alcuna causa straordinaria apparente – il primo compito del Governo dovrebbe quindi essere di accertare ...

  • POLITICA NUOVA: GLI FARO’ IL CULO 19 agosto 2018

    Vorrei dire una parola su questa nuova politica (la si chiami sovranismo, populismo o gentismo) che si è imposta nel mondo anche e non solo tramite gli elettori, anche quelli intelligenti e quelli che hanno votato Trump, Erdogan, Orbàn.. Gli facciamo il culo. E’ molto vecchia questa politica, è lo spezzeremo le reni alla Grecia, è la politica muscolare, la gente contro la casta. Non so quanto c’entri il razzismo, l’inciviltà, o la rabbia sociale, è interessante la miscellanea. E’ il tana liberi tutti che mi interessa. Ai funerali di Genova un altro bulletto, Di Maio, su richiesta, ha giurato che gli farà il culo. A chi? Non si sa, uno lo troviamo. La “propaganda” fascista del duo Casalino & Casaleggio ha già colpito: la colpa è di Benetton e di Renzi, ti pareva? Renzi è colpevole di tutto, i grillini No Gronda sono innocenti. Nessuno ha ancora spiegato ai gialloverdi ...

  • FIGALLI E I PROFESSIONISTI DELL’INCOMPETENZA 12 agosto 2018

    Se il nostro Paese sapesse guardarsi allo specchio riconoscerebbe l’analfabetismo del popolo (si veda il Rapporto di conoscenza 2018 dell’Istat) e la presenza della borghesia più ignorante d’Europa. Tali elementi caratterizzanti hanno convinto oggi che l’incompetenza diffusa sia l’antidoto alla competenza della casta. Se quest’ultima ha provocato danni con i suoi esperti e tecnici, affidiamoci a chiunque purchè incompetente. Alessio Figalli, 1984, laureato alla Normale di Pisa, ha vinto la medaglia Fields “il Nobel della matematica”. In America ad Austin gli diedero la cattedra a 27 anni, mentre in Italia, racconta GA Stella su Sette riferendo quello che ha saputo da un cattedratico romano, gli avevano proposto di partecipare ad un concorso su misura dove avrebbe vinto facile facile. Figalli non accettò, temendo ritorsioni e ricorsi, e preferì il Texas. Questo è quanto. In questi casi si parla di cervelli in fuga. In realtà c’è un altro cervello ormai ...

  • CAPISCI TRAVAGLIO E CONOSCI L’ITALIA 11 agosto 2018

    Carlo Bonini, firma di punta di Repubblica, spiega il “metodo Travaglio”, recuperando quanto scriveva il grande Giuseppe D’Avanzo il 14 maggio 2008: «Il nostro amico ( Travaglio ndr) sceglie un comodo, stortissimo espediente. Si disinteressa del “vero” e del “falso”. Afferra un “fatto” controverso (ne è consapevole, perché non è fesso) e lo getta in faccia agli spettatori lasciandosi dietro una secrezione velenosa che lascia credere. Il “metodo Travaglio” e delle ” agenzie del risentimento” è una pratica giornalistica che, con “fatti” ambigui e dubbi, manipola cinicamente il lettore/ spettatore. Ne alimenta la collera. Ne distorce la giustificatissima rabbia per la malapolitica. ” 2008- 2018. “Dieci anni dopo, ritroviamo ...

  • SCUOLA: CURARE LA VOCAZIONE NON LA PASSIONE 9 agosto 2018

    Le leggi non cambieranno nulla, i discorsi degli esperti di comunicazione dell’Eliseo saranno di scarso aiuto di fronte a questo dato di fatto: la grandezza di una nazione è data dalla vocazione dei suoi cittadini. Possiamo riempirci la bocca con l’economia digitale, ma un Paese ha e avrà sempre bisogno di ristoratori, meccanici, idraulici, elettricisti. Artigiani addestrati come si deve, amanti di un lavoro ben fatto, fieri di lavorare anche fuori orario per portare a termine un’opera. Artigiani che pagano tasse e contributi, mentre i colossi del Web vi si sottraggono. In Turenna, è un meccanico che racconta come accoglie i suoi apprendisti. «Diresti di essere qui per passione ...

  • PADELLARO SI LAMENTA CON CAIRO DI ALDO GRASSO 5 agosto 2018

    Incredibile ma vero nel 2018. Il giornalista Padellaro si adombra con il critico televisivo Aldo Grasso e scrive al suo editore. Io scrivo a Grasso perchè nel forum “Televisioni” spesso ho preso in giro Antonio Padellaro della Premiata Ditta Travaglio & Scanzi

  • VENEZIA MON AMOUR 4 agosto 2018

    Ecco un’altra forma di usura, ai danni dei turisti. Ma una legge che consentisse la chiusura definitiva del locale e la confisca dei beni del titolare, farebbe bene al Turismo, o no? (foto e notizia da corriere.it). In Italia quando un comportamento illegale persiste nonostante gli interventi giudiziari significa che il gioco vale la candela. 

  • MARCHIONNE: IL NOSTRO PROVINCIALISMO 27 luglio 2018

    “Ma credo che sia fondamentale non lasciarsi scappare la possibilità di imparare dall’esempio degli altri. Dobbiamo osservare il mondo attorno a noi e i comportamenti delle persone, per trarne informazioni su cosa è meglio fare e non fare. E non dobbiamo mai pensare di saperne abbastanza: “io so di non sapere”, diceva Socrate”.  Così diceva Sergio Marchionne parlando agli studenti della Bocconi nel 2013. Tra le tante cose spiegava il nostro “provincialismo”. “Bisogna stare attenti a fare gli arroganti in giro per il mondo, ci vuole gente che non è condizionata , con un’ apertura mentale assoluta, senza pregiudizi. S’impara molto andando fuori. Nel 2004 perdevo 5 milioni al ...