PRIMA PAGINA

  • RENZI/ RANCORE/ FRANCO/ GIANNINI 17 ottobre 2018

    L’intervista (diMartedì) di Franco e Giannini a Renzi per me resterà “significativa”. C’era una tensione politica inespressa che è stata intollerabile. Personalmente preferisco la sincerità del duello Mussolini-Friedman (Povero str…/cafona). Rivedendola alla moviola, e senza voler prender parte alla singolar tenzone, forse ci si può render conto che il giornalismo italiano (anche il migliore) non è più abituato a far domande, ma ad esprimere opinioni. Dentro le nostre opinioni ci sono desideri, del tutto legittimi e magari bellissimi. Ma il desiderio di Franco e di Giannini che Renzi si faccia frate trappista e non lo si veda mai più in giro per l’Italia, resta un desiderio, che nasce chissà dalle migliori analisi politologiche, dal buon senso, dal raziocinio. Il fatto (fatti, non opinioni) è che l’odioso Renzi ha ancora un seguito e tutto ciò che è reale è razionale anche in questa epoca del rancore (non della paura)

    di frascop
    LA RISPOSTA A CURA ALDO GRASSO
    Per questo io non farei mai domande a Giannini, avei il suo stesso impulso.

  • COME FARE IL MAGO E VIVERE FELICI 14 ottobre 2018

    A chi è in cerca di lavoro consiglio di fare il mago. E’ lavoro semplice, bisogna imparare a memoria un repertorio di frasi fatte. Faccio un esempio. Qualsiasi persona si presenti da voi, gli farete questo discorso estraendo da un mazzo una carta alla volta (sicuri che ognuno di noi ci si può riconoscere appieno) : <Stamane vedo nelle carte che…hai un problema a casa con gli elettrodomestici, la lavastoviglie, un lavandino che non chiude bene… Il tuo problema principale però sono i figli, è vero?  Vedo che sei insoddisfatto, spesso arrabbiato, la gente senti che non ti capisce, è vero? I furbi ti passano davanti, pure in macchina senti che ti mortificano. Poi vedo che vorresti guadagnare di più, molto di più. Guadagni una miseria, una persona del tuo valore, dai! Poi vedo che ti sei alzato/a con una strana sensazione, non sai se stai bene ...

  • FRASI 14 ottobre 2018

    (GUIDO DAVICO BONINO) A te cosa infastidisce? « Il rumore. Ma tutto oggi è rumore. Un brusio privo di senso. Ho compiuto poche settimane fa 80 anni e se penso ai compleanni tondi di dieci o venti anni fa, mai, dico mai, mi sarei aspettato di precipitare in questo tempo buio. Sono desolato e non so più a quale chiodo appendere le mie giustificazioni. A volte dò la colpa alla vecchiaia: Dico: sono io che non vedo e non capisco. Sono io che non mi aspetto più nulla dal futuro. Ma so che non è vero. Perché il malessere serpeggia in tutti. E allora cresce il rumore. Pare un circolo vizioso».

    DA TWITTER Bambino di IV elementare inciampa con penna e foglio e per sbaglio scrive un libro di Fabio Volo (anonimo, Corrieredelcorsaro.it)

    Il 97% dei miei calzini ha perso la propria metà ma non va a ...

  • RICOLFI- COME IL GOVERNO GOVERNA CON LE PAROLE 10 ottobre 2018

    Sul piano dei contenuti, questo governo non somiglia granché a nessun governo del passato. I governi del passato, infatti, o guardavano a sinistra, o guardavano a destra, o si barcamenavano fra destra e sinistra, alla ricerca di un compromesso, di un punto di equilibrio. Ora no: a giudicare dai programmi e dai primi atti questo governo cerca di essere, al tempo stesso, molto di destra e molto di sinistra, a settimane alterne. Ora un colpo inferto ai migranti (blocco dei porti alle Ong), ora un colpo inferto alle imprese (decreto dignità). In attesa del colpo definitivo, quello ai conti dello Stato (flat tax e reddito di cittadinanza).

    Quel che più mi colpisce, però, non è la somiglianza con il passato nell’abuso dei decreti legge; quel che mi colpisce è l’abuso manipolatorio delle parole, accuratamente scelte per indorare la pillola che viene somministrata ai cittadini, nascondendo la sostanza di cui ...

  • RICOLFI: LA CORAGGIOSA MANOVRA DEL POPOLO? 6 ottobre 2018

    Il presidente del Consiglio ha definito “coraggiosa” la manovra del suo governo, che rifiuta di ridurre il deficit pubblico e anzi pianifica di mantenerlo per tre anni al 2.4% del Pil. I critici del governo giallo-verde, per parte loro, vedono nella manovra una sorta di svolta epocale, una specie di contro-riforma che capovolge la linea di prudenza adottata dai governi che lo hanno preceduto (Renzi e Gentiloni).

    Mi permetto di dissentire radicalmente con entrambi. No, si possono scegliere mille aggettivi per definire questa manovra, ma “coraggiosa” no, quello non è l’aggettivo giusto. Nella lingua italiana un comportamento è coraggioso se comporta l’assunzione di un rischio per chi lo mette ...

  • ASPETTANDO FINE OTTOBRE (ROBERTO PEROTTI SPIEGA I RISCHI) 29 settembre 2018
    Il governo ha annunciato un disavanzo per i prossimi tre anni del 2,4 per cento del Pil: superiore a quello che avremo alla fine di quest’anno, ma anche leggermente inferiore a quelli del 2016 e del 2017. Come si spiegano allora tante reazioni rabbiose? Secondo il programma del precedente governo il disavanzo sarebbe sceso quasi a zero nel 2019; rispetto a quell’obiettivo, il disavanzo del nuovo governo rappresenta un aumento di circa due punti e mezzo di Pil ( quasi 50 miliardi) ogni anno per tre anni. Una cifra enorme. Quindi è vero, la manovra di questo governo rappresenta una rottura drammatica: ma non rispetto alle ...
  • NON SCRIVERO’ PIU’ DI POLITICA 22 settembre 2018

    “Noi naturalmente non sappiamo come andrà a finire. Se cioè la scommessa  da pokeristi del governo giallo-verde  di portare al 2,4%  la soglia dello 0,8 promessa da Gentiloni ci trascinerà alla bancarotta (come prevedono, anzi auspicano quelli che la sanno lunga). O se ci ritroveremo a dire tanto rumore per nulla…” (Marco Travaglio, Il Fatto, pag. 1 29/9/2018). Sono stufo di allarmare i lettori e schernire tutti quei dementi di ieri oggi e domani che vogliono dialogare (o governare)  con “Ne vedremo delle belle”, “Me ne frego” & Conte, portavoce di  Rocco Casalino. Sono stufo di dover leggere questi disonesti alla Travaglio. La situazione oggi è quella che ...

  • ANTONIETTA VOCATURO IL RAMO SPEZZATO 16 settembre 2018

    Antonietta Vocaturo, la docente di 58 anni che ha perso la vita falciata da un’auto a Gizzeria, è stata- con me preside- professoressa di lettere al De Fazio. Tra noi c’era molto affetto e quindi vivo questa tragedia in maniera terribile. Mi fidavo di lei e lei di me. Sua figlia Serenella ha una voce bellissima e l’ho coinvolta nel coro della scuola. In questo blog ho inserito alcune canzoni che abbiamo registrato proprio con la sua presenza di voce solista. Se è vero che Antonietta ha fatto da scudo alla figlia per salvarla, non ne sarei sorpreso. Ho conosciuto la sua generosità, ho visto il suo amore per ...

  • LA SINISTRA (ANNO) ZERO E LA SINISTRA DOPPIO ZORO 13 settembre 2018

    https://www.youtube.com/watch?v=iubLuLhzoac

    Ieri sera dalla Gruber ho ascoltato Diego Bianchi in arte Zoro, e ho avuto la conferma di quanto penso e scrivo da anni. Ci sono due sinistre in Italia, che per comodità chiamerò (anno) zero e doppio zoro.  Forse fu  il socialista di fine ottocento Giacinto Menotti Serrati il precursore dei massimalisti che sotto varie forme sono arrivati sino a noi, contrapponendosi sempre ai riformisti (l’ultimo campione è il laburista Jeremy Corbin). Nel 2018 comunque per darti la tessera della sinistra doppio zoro (estremista-massimalista), ti fanno un test, che consiste in un sola domanda: Minniti (ex ministro dell’interno) è stato peggio di Salvini, anzi il suo anticipatore? Chi risponde ...