PRIMA PAGINA

  • Bonan tra Far West e vongole 20 luglio 2018

    Caro prof, l’Originale di Bonan affronta sempre lo stesso problema: 5 minuti di notizie, che facciamo negli altri 55? Sono anni che ricorrono alle metafore, nel 2018 il calciomercato è un Far West. La metafora diventa recita parrocchiale, sin dalla sigla girata a Gardaland con giornalisti travestiti da cowboy. Servizi solo musica e immagini (si fa prima); scene di film; telecamera (di Sergio Leone?) che fa gli stessi giri sopra e sotto le travi mentre Di Marzio impigliato tra un palo e Fayna cerca di parlare. Poi l’angolo Cultura nel saloon, l’ospite parla sulle immagini della sigla. Cultura Alta: Come far digerire la fatica al gruppo? Rispondono: Orrico del club dei “filosofi dilettanti”, Alberto Bucci nelle vesti di amico di Ancellotti, De Bellis nelle vesti di Ecco Qua il Direttore, Bucciantini nelle vesti di retore. La trasmissione, cominciata con tutto lo studio in piedi mano sul cuore a cantare il ritornello (La verità…) del Cantautore, finisce con un rap jettatorio, più che spiritoso, su Ugolini (“ma al tramonto rinasce…”). Citazione di “Se ti piace nascere al tramonto puoi dormire” di Cremonini (“Le sei e ventisei”). Dio ci conservi Massimo Ugolini, grande professionista. Che fare con quelli in tv fissati con le citazioni e le metafore? Se ti occupi di cazzate, le citazioni le nobilitano?

    di frascop
    LA RISPOSTA A CURA ALDO GRASSO
    Mi sembra di capire che la trasmissione non le piace.

  • LA FIGURACCIA DI LAURA CASTELLI (M5S) IN COMMISSIONE BILANCIO 16 luglio 2018

    La sintesi sta tutta nelle parole che Guido Crosetto (F.lli d’Italia) avrebbe raccolto direttamente da Claudio Borghi, economista di riferimento della Lega: «Abbiate pazienza – scrive Tommaso Ciriaco su Repubblica – e lasciate correre ancora per un paio di volte, poi vi mandiamo l’altro vice. Quello bravo». Parole offensive  che arrivano direttamente dall’alleato di governo, nei confronti di Laura Castelli, sottosegretaria all’Economia nel dicastero presieduto dal ministro Giovanni Tria. A quanto pare, nel corso della giornata di ieri, l’esponente del Movimento 5 Stelle avrebbe fatto una brutta figura in commissione Bilancio. Secondo il parlamentare di Forza Italia Felice D’Ettore, professore universitario, la Castelli non sapeva quello di cui stava parlando: «Se lei fosse mia alunna – avrebbe detto – non meriterebbe nemmeno diciotto». Altre prove che la Castelli non sa nulla di economia si erano avute in tv quando dalla Gruber s’era trovata di fronte Cottarelli, che la ridicolizzò. Ma come si dice, 1 vale 1, e l’opinione di un ...

  • LAMEZIA- LA METAFORA DELLE ERBACCE 14 luglio 2018

    Vorrei fare un esempio piccolo piccolo che spieghi per quale ragione oggi fare il sindaco di una città come Lamezia, o di una più piccola, sia un’impresa alla Don Chisciotte, alla quale pertanto si possono dedicare soltanto (piuttosto che cavalieri senza macchia e senza paura) cavalieri inconsapevoli o cavalieri con un concreto obiettivo (legale o illegale) in testa da realizzare. Il mio esempio  è una figura retorica che si chiama sineddoche (la parte per il tutto). Dunque, se uno dall’autostrada si reca a Nicastro, passa per la SP 108 e poi per via dei Bizantini. Incontrerà così, prima una rotatoria piena di alte sterpaglie e poi proseguendo vedrà che che ai bordi dei marciapiedi crescono erbacce. Soltanto arrivati a Capizzaglie vedrà un incrocio dove il giardinetto con la Madonna è ben curato. Ipotizziamo che un sindaco di buona volontà a Lamezia intenda nel 2018 dedicarsi a questa opera infantile, ...

  • PADELLARO SI LAMENTA CON CAIRO DI ALDO GRASSO 12 luglio 2018

    Incredibile ma vero nel 2018. Il giornalista Padellaro si adombra con il critico televisivo Aldo Grasso e scrive al suo editore. Io scrivo a Grasso perchè nel forum “Televisioni” spesso ho preso in giro Antonio Padellaro della Premiata Ditta Travaglio & Scanzi

  • Quella bolgia davanti la stazione che non interessa nessuno 11 luglio 2018

    Stazione di Lamezia Terme Centrale. Dalle 5 di mattina alle 23 il caos. Tutti gli autobus devono fermarsi lì. Scusate se oso: perchè? Che ragione c’è?

  • VERONESI E QUEL FILM DI MASELLI 10 luglio 2018

    Ma Sandro Veronesi, che stimo tantissimo, lo ha visto il film di Maselli “Lettera aperta ad un giornale della sera”? Forse no, quando uscì nel 1970 aveva 11 anni. Un gruppo di intellettuali comunisti, rivoluzionari a parole ma perfettamente inseriti nel “sistema”, hanno l’idea di inviare una lettera al direttore di un quotidiano di sinistra, chiedendo di partecipare attivamente alla guerra nel Vietnam. L’iniziativa acquista una forte risonanza, si allarga fino a ottenere adesioni anche dall’estero, Hanoi sembra disposta ad accettare l’invio di volontari; per quanto non approvi l’iniziativa, anche il partito comunista si vede costretto ad appoggiarla. Accorgendosi della piega tremendamente seria presa ...

  • QUANDO CATANZARO DECIDE CHE E’ ORA 4 luglio 2018

    Lamezia hub della mobilità? Sarà vero? Breve storia del tratto Nicastro-Catanzaro dagli anni sessanta ad oggi. I tempi di percorrenza li scelgono sempre i catanzaresi.Nel 2018 hanno fretta di raggiungere l’aeroporto. Il loro.

  • Per dignità cominciate a restituire 49 milioni e poi parliamo 3 luglio 2018

    Salvini dice che in 10 anni li hanno spesi tutti i 49 milioni. E adesso cosa volete? Vedere almeno 1 ricevuta della Lega, possibile che non avete un sola ricevuta o fattura che ci convinca che non ve li siete intascati?

  • ZINGARETTI E LA VECCHIA LOGICA DEL CORPACCIONE 1 luglio 2018

    Zingaretti è un altro che ricorre alla Logica del Corpaccione. Dentro il M5S c’è di tutto. Con la stessa logica c’era di tutto nella dc o nella Lega e quindi ci dovevi fare trattative e accordi.