L’ALBERGO CENTRALE RIAPRE IL CUORE

Leggo su il Lametino che a Bolzano è stata consegnata la certificazione ClimaHotel all’Albergo Centrale di Lamezia e il sigillo di sostenibilità all’Architetto Carlo Carlei, progettista dell’intervento. “Il progetto (della Biebi sas di Bruno Bertucci & C) è consistito nella riqualificazione di un edificio storico d’inizio ‘900 che, ospitando la sede dell’Albergo Ristorante Centrale fino agli anni 70, ha rappresentato un vivace elemento di richiamo e di ritrovo per il centro urbano di Nicastro a Lamezia Terme. Dopo anni di chiusura e abbandono, la proprietà ha deciso di ridare vita e dignità all’edificio, riattribuendogli la funzione originaria di albergo urbano”. A tutti noi rivedere aperto quell’albergo provoca un tuffo al cuore. Non ho mai dimenticato la famiglia Cerminara, don Gregorio e la signora Eva, attorniati dalle figlie Maria, Anna, Daniela, Ornella e poi da Raffaele. Volti e persone indimenticabili di quando eravamo nicastresi e giovani. La gioia di quando la sera in quell’albergo potevo guardare la tv non se ne è mai andata. La riapertura dell’Albergo Centrale oltre che un fatto significativo per l’intervento progettuale che è stato fatto, è un fatto affettivo e sentimentale per tanti di noi. Talvolta succedono delle cose belle in questa città e stavolta vorremmo ringraziare i Bertucci. Perchè quello che siamo dipende anche da quello che facciamo, dal modo in cui decidiamo di vivere. Noi siamo le nostre esperienze e i nostri progetti.