No Image

SINISTRA/ LAMEZIA/ PERSONE ALTRO CHE DITTE

7 Ottobre 2019 francesco scoppetta 0

Dopo anni in cui tutta la colpa era del partito personale di Renzi, anche le elezioni comunali di Lamezia certificano che la politica non si basa più su idee ma su persone. Non votate quello che è più brutto di me. No, io sono più alto, e via dicendo.
Però, dopo 20 anni in cui si sono affidati a 2 persone, Lo Moro e Speranza, perchè i lametini dovrebbero ri-votare le persone della sinistra? Per 3 scioglimenti alle spalle? Suvvia, noi ormai non siamo diversi da San Luca (RC), lo vogliamo capire o no?

No Image

NUCCIO ORDINE, CALABRESE

24 Settembre 2019 francesco scoppetta 0

Chi è il calabrese dei calabresi, il calabrese che più ci rappresenta nel mondo oggi? Non c’è dubbio, è Nuccio Diamante Ordine, nato a Diamante il 18 luglio 1958.

No Image

SCUOLA/BASSANO SEI TU?

21 Settembre 2019 francesco scoppetta 0

Ci risiamo, una prof bullizzata a Salerno. Anche stavolta lo chiamano EPISODIO. Invece non è un episodio, è IL PROBLEMA principale della scuola italiana. Perchè la normalità quotidiana si preferisce credere che sia un episodio? La risposta è che si opera una vera e propria “rimozione” del problema, dicendo la cosa più banale di tutte: una rondine non fa primavera. Quella prof bullizzata SAREBBE l’eccezione, non la regola. Alla base resta l’idea sbagliata che un consiglio di classe non sia un gruppo di lavoro ma una somma di individui. Mentre all’università un prof che non funziona non blocca il funzionamento del meccanismo ma lo rallenta soltanto, in una scuola il prof che non funziona blocca il meccanismo. Come succede in tutte le squadre, orchestre. Chi stona in un coro anche se è uno solo lo rovina. O no?

No Image

DIBBA

19 Settembre 2019 francesco scoppetta 0

Ad un ragazzo l’augurio più grande e sincero che farei è il seguente: Non mi diventare come Di Battista.

No Image

LAMEZIA/IL SINDACO E I SUOI FEDELISSIMI

15 Settembre 2019 francesco scoppetta 0

Il “rituale” di parlare di programmi e lasciare in fondo i “nomi” degli aspiranti sindaci ha una conseguenza. Si pensa a come procurarsi voti e una volta eletti abbiamo sindaci soli, veri amministratori unici. Basti pensare ai sindaci di Lamezia o alla Raggi.