Veltroni dal “ma anche” alla melassa zuccherosa sui giuovani

Confesso che avevo molta stima di Valter Veltroni sino a quando non ho scoperto il suo giochetto del “ma anche”. Un giochetto infantile per non decidere mai nulla dicendo una cosa e il suo esatto contrario: dobbiamo pensare ai giovani ma anche ai loro genitori. Insomma, quando leggo un articolo di Veltroni oggi su qualsiasi […]

Cazzullo La sinistra ha divorziato dalle classi popolari

Aldo Cazzullo riflette sulla linea del Pd che lo ha fatto diventare ormai il partito del ceto medio dipendente e che non supera il 20%. Antonio Polito aggiunge che declina sempre le stesse priorità senza mai spiegare cosa fare

Vaccini/ Paesi giuridici e paesi pragmatici

Stati Uniti, Gran Bretagna e Israele sono Paesi «pragmatici», per i quali ciò che conta più di qualunque altra cosa è il risultato finale. Al contrario, quelli europeo-continentali, sia pure con differenze di grado fra l’uno e l’altro, sono Paesi «giuridici» per i quali il fatto che i soldi pubblici vengano spesi correttamente (dal punto di vista delle procedure in vigore) è cosa più importante del risultato.

Vaccini/ ecco l’Italia delle corporazioni al grido “tocca prima a me”

(scoppetta) Come vedrete  leggendo l’articolo che segue il criterio della CATEGORIA non è valido per scegliere l’ordine di vaccinazione. Ogni categoria ritiene infatti di avere la precedenza, perchè non si capisce quale luogo sia più essenziale. Un palazzo di giustizia deve avere la precedenza sui supermercati, le scuole debbono precedere i negozi e così via? […]

Due ebook su Amazon. Uno sulla scuola vera e non narrata; e l’altro sui cretini. Non avete paura dei cretini (da Trump a Conte)? Mi dispiace, non avete capito niente

Claudio Martelli illustra cosa è diventato il Pd

Dopo il terremoto in corso nel Pd, con il segretario che punta il dito sui logoratori di casa e sbatte la porta. Claudio Martelli è un fiume in piena. “L’alleanza organica, l’esaltazione di Conte come leader progressista, federatore con i Cinque Stelle. A forza di dire che Conte è il meglio, gli elettori del Pd […]

Calabria scuola/l’assemblea sindacale però la vogliono in presenza

Ho scritto chissà quante volte di questo tema, beccandomi le reprimende da tutti, ma l’illuminista insiste. Quando, come è successo oggi, vedo alle 10,30 di mattina dei poveri genitori (ma col lavoro come fanno?) costretti a mettere in auto bambini che escono da scuola, mi chiedo: perchè? L’ho scritto quando nessuno immaginava che sarebbe arrivato […]

Draghi sceglie i migliori esperti, il Pd adotta il metodo grillino (e i suoi se ne vanno)

(carlo panella- Linkiesta) Mario Draghi nomina rapidamente esperti nelle posizioni chiave. All’opposto, il Partito democratico allontana da sé i pochi esperti che militano nei suoi ranghi: prima Maurizio Martina, esperto di agricoltura che se ne è andato alla Fao; poi Pier Carlo Padoan, esperto economista che ha preferito la presidenza di UniCredit al seggio in […]

Firenze la preside trasferita per incompatibilità ambientale

La preside Annarita Fasulo dell’Istituto comprensivo Masaccio di Firenze è stata trasferita “d’urgenza” dal direttore generale toscano Pellecchia nel termine di una settimana. Il motivo è “incompatibilità ambientale” che è risultato dopo: una petizione a provveditorato e Comune firmata da 1200 genitori delle quattro scuole che fanno parte del comprensivo; una manifestazione in piazza Oberdan […]

Chiamare gli elettori a farsi il vaccino

Sento parlare di app che ogni Regione vorrebbe approntare per fare le prenotazioni dei vaccini. La mia proposta è quella di fare i vaccini con la logistica delle elezioni e le schede elettorali. Abbiamo l’elenco degli elettori in ogni comune suddivisi per seggi. Per esempio a Lamezia abbiamo 78 seggi. Si tratta di modificare l’allocazione […]

Arcuri dominus dell’emergenza & Conte

(federico fubini-Corsera) Il rapporto fra Domenico Arcuri e Giuseppe Conte andrà studiato dai cultori della scienza politica come esempio di ciò che può portare la scaltrezza e l’acciecamento del potere in un contesto di istituzioni deboli. Gli equivoci, gli errori, gli scarichi di responsabilità e anche ciò che ha funzionato: niente nella vicenda del manager […]

Spiegate ai dem che il Mes ci serve anche se i grillini non lo vogliono

(ferruccio de bortoli, Corriere Economia) I 37 miliardi del Fondo salva Stati, “rivisitato” per sostenere i sistemi sanitari, sono scomparsi dal dibattito politico. Troppo divisivi: hanno già fatto cadere il Conte II. Eppure ci servirebbero. Lo spread è sceso, ma non tanto da annullare il risparmio decennale collegato al loro utilizzo (2,5 miliardi). Abbiamo preso […]

Ma perchè Boccia e Zingaretti non si fanno spiegare da Mattarella come stavano le cose?

Francesco Boccia, Pd, ex ministro degli Affari regionali nel Conte II, è molto stimato dal nostro Tommaso Ciriaco di Repubblica. Certamente sarà un gran lavoratore, un uomo del Sud ed è stato l’unico ministro dem apprezzabile. Ma per quanto mi riguarda, di politica non capisce nulla. Cito Giuliano Ferrara: “Talleyrand lo aveva detto da esperto, […]

Calabria una Regione impresa che come la Liguria dovrebbe puntare solo sul turismo

Il turismo è scienza. Per amministrare la Regione continuiamo ad affidarci ad un personale politico che non ha le competenze necessarie per puntare su un solo settore, il turismo. Mentre con la sanità abbiamo esaurito i pozzi e per vaccinare non abbiamo nessuno che sappia cosa sia la logistica, pensiamo che qualche reclame basti per far conoscere la regione. Il turismo produce servizi e benessere, rientra nel settore delle industre creative, potremmo fare come fa più o meno la Liguria.

Franceschini aprirà i cinema solo che non sa come funzionano

La compagnia di Draghi è quella che è. Prendiamo Franceschini, capo tribù del Pd, il quale in queste ore sta dimostrando di non vivere nella realtà. Ha annunciato che dal 27 marzo riaprono i cinema nelle regioni gialle, 25% dei posti, prenotazioni on-line e mascherine FFP2. Caro demagogo, ma i film chi li fornisce? Si […]

Vaccini in ritardo e senza nessun colpevole

(il Foglio) E così, siamo in ritardo con le vaccinazioni. Si badi bene: non è un problema di consegna dei vaccini. Siamo in ritardo rispetto alle vaccinazioni di tutta Europa, che ha avuto accesso – in modo proporzionale – alle stesse dosi fornite in media ai cittadini italiani. Il nostro è un ritardo dovuto all’organizzazione […]

Un’Alleanza per la Repubblica contro il bipopulismo perfetto

(C. Rocca) Le cose cambiano, oh come cambiano. Fino a pochi giorni fa l’Italia era un paese diviso tra un populismo di governo, inadeguato e grottesco, e un sovranismo di opposizione altrettanto surreale. Il bipopulismo perfetto italiano ha governato appassionatamente questa incredibile legislatura repubblicana, prima unito sotto la leadership fortissima di Giuseppe Conte e poi […]

Il merito, la magistratura e la sinistra alla Violante

Alzi la mano chi ritiene che in Italia ci sia l’equilibrio dei poteri. La separazione dei poteri riconducibile a Montesquieu è uno dei principi cardine del costituzionalismo liberale e uno dei principi giuridici fondamentali dello Stato di diritto e della democrazia liberale. Neppure le menti più raffinate e i politici più saggi che abbiamo ci spiegano […]

Cosa non va nei vaccini (L. Capone e G. Rodriquez)

(f.scoppetta) La mia proposta è quella di fare i vaccini come alle elezioni. Abbiamo l’elenco degli elettori in ogni comune suddivisi per seggi. Per esempio a Lamezia abbiamo 78 seggi. Si tratta di modificare l’allocazione per cui escludendo le scuole ogni seggio va sistemato in un altro posto idoneo, palestra, edificio pubblico, stazione, aeroporto, ecc. […]

Lavoro/Io le porte le sistemo così, quelle degli altri stadi non mi interessano

Una volta i mestieri si tramandavano, il barbiere, il biciclettaio, il fabbro, la sarta, il ciabattino…Oggi invece, mentre tanti si lamentano della globalizzazione, ognuno fa il suo lavoro come vuole. Quel che fanno gli altri non interessa. Guardate come da anni uno o più inservienti dello stadio Dall’Ara di Bologna sistemano le porte di calcio. Loro le sanno fare così e non gli interessa nulla di come sono sistemate le porte negli altri stadi del mondo.

Addio Tommaso Cerra

Caro Tommaso te ne sei andato all’improvviso e così l’ultima volta che ci siamo visti ho fatto in tempo ad esprimerti i miei sentimenti. Tu come al solito sei stato tanto affettuoso ed entrambi ci siamo ripetuti che ci volevamo bene. Per anni vivendo mia madre sei stato una figura familiare a casa mia insieme […]

Ricolfi: agrodolce verso il governo Draghi

Professor Ricolfi, il neo premier Draghi in questi due giorni ha scoperto le carte e nel suo discorso ha tratteggiato il programma di governo. Qual è il suo sentimento prevalente dopo il passaggio a Senato e Camera? Nota qualche affinità con l’ultimo governo guidato da un tecnico ovvero quello di Mario Monti?Il mio sentimento verso […]

Lamezia/ Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei Piccioni

Quando ho letto che l’avv. Rosario Piccioni a Lamezia avrebbe appoggiato il sindaco di Napoli De Magistris per le regionali calabresi non mi sono meravigliato più di tanto. Sono convinto da molto tempo che l’avvocato è professionista serio ma in politica io e lui abbiamo simpatie inconciliabili. Succede. Dopo decenni te ne fai una ragione […]

5 anni fa perdevamo Umberto Eco

Poiché nessuno pensa che le sue sventure  possano essere attribuite a una sua pochezza, ecco che dovrà individuare un colpevole. (“Il cimitero di Praga”). Lo stupido non sbaglia nel comportamento. Sbaglia nel ragionamento. E quello che dice che tutti i cani sono animali domestici e tutti i cani abbaiano, ma anche i gatti sono animali […]

Da Arcuri a Zingaretti ritratti per gli storici futuri

ARCURI Per definirlo basta leggere l’inchiesta di Milena Gabanelli (Tutti gli errori del commissario, 31/1/21 Dataroom Corsera). Così si capisce che la stampa italiana non conta nulla e che i burocrati restano (resistono) anche se ti sbarazzi di Cavour BERSANI Vive praticamente in tv dal primo lockdown, lo supera solo Sileri. Per la storia, dice a Floris: […]

Governo/ Ma perchè non mi ascoltate? Non parlate di scuola

Anche a Draghi dò gratis lo stesso consiglio. Di scuola meno se ne parla meglio è. Non avete capito cosa è successo a Renzi, e poi alla Azzolina? Farla finire a giugno? Ma siete pazzi, a giugno sono in vacanza. La scuola italiana va rivoluzionata negli stipendi ma senza che se ne accorga nessuno

Draghi l’uomo che parlerà coi fatti e Conte che parlava col “Fatto”

Mentre ascoltavo Draghi nel più bel discorso parlamentare che io ricordi nella mia lunga vita, ammiravo questa personalità che ha accettato una sfida terribile per mero spirito di servizio. “Il 3 settembre del suo «anno da premier» italiano compirà 74 anni. Ha figli e nipoti, una bel­la villa al mare, un’altra in campagna, una moglie […]

Ci liberammo di Conte ma non di Arcuri e il profetico Gaber

(Corsera, Marco Bonet) Posto che Zaia governatore Veneto sono 10 giorni che rilascia dichiarazioni pubbliche, perchè Arcuri non lo ha convocato immediatamente a Roma per capire se davvero come e quando si possano avere quasi 30 milioni di vaccini senza violare gli accordi europei? Dice Zaia: “Ho in mano due offerte per l’acquisto di vaccini, […]

Manca il controllo ex post

Vedo che a Report scoprono l’acqua calda. Vanno in Sicilia per dimostrare che non sappiamo spendere i fondi strutturali europei. Lo sappiamo da decenni ma repetita juvant. Mi danno i soldi, io faccio un capannone e compro i macchinari. Viene uno a controllare e mi dice: bravo. Tutto a posto. A nessuno viene in mente […]

Franco torna al Tesoro. Recovery, tempi stretti (F. Fubini)

(Corsera, 14/2/21) A volte certi eventi diventano simbolici aldilà dell’intenzione dei protagonisti. Il primo atto del primo Consiglio dei ministri presieduto da Mario Draghi ieri è stato la nomina come sottosegretario a Palazzo Chigi di Roberto Garofoli: l’alto funzionario che era così inviso a Giuseppe Conte, durante il governo giallo-verde, che preferì lasciare il posto […]

Chicco Testa/Dare un tono all’ambiente

Sviluppo sostenibile, transizione verde, New Green Deal… Le espressioni per definire la missione del nuovo governo in campo ambientale abbondano e sembrano avere preso il posto del “nuovo modello di sviluppo”, espressione di cui tanto si è abusato nei decenni passati, senza che nessuno abbia fatto lo sforzo di spiegare per bene di che cosa si […]

1968 “L’università subito al posto giusto” una lezione riformista sulla “scelta”(Francesco Scoppetta)

Richiamando alla mente la disputa che si svolse a partire dal 1968 tra Cosenza e Lamezia Terme per la sede dell’Ateneo della Calabria, vorrei porre alcune domande. Perchè il Pci sacrificò in quel frangente Lamezia e preferì l’accordo con Giacomo Mancini? E perchè Catanzaro ha considerato sempre Lamezia una periferia e non ha mai accettato di costituire con Lamezia l’area centrale della Calabria? Tutto cominciò con le Regioni, con l’autostrada al posto sbagliato che Mancini volle tutta per sè e per quella scelta del posto “giusto” dell’Università che non fu una scelta riformista.

A Napoli la Juve conferma una stagione buttata via

Sulla Juve non vorrei mai aver ragione, perchè il calcio non è una scienza esatta, ma a febbraio posso riconfermare quanto già scritto in altri due articoli. Una squadra con due soli fuoriclasse, De Ligt e Ronaldo, e altri giocatori rotti, o finiti, o normali, o impresentabili (Berna, A. Sandro) è stata affidata a Pirlo […]

Ricolfi dimostra dove la coppia Conte-Speranza ha sbagliato

“La mia impressione è che il fascino discreto che il lockdown esercita sui politici dipenda semplicemente dalla loro consapevolezza che su tutto il resto, su cui si è fatto quasi nulla quando si era in tempo, si continuerà a fare ben poco. E che alla fine della fiera, nell’attesa messianica del vaccino, la loro idea sia ancora oggi quella di sempre: che la lotta al virus non si fa dall’alto, costruendo politiche sanitarie incisive, ma si fa dal basso, limitando le nostre libertà”.

Mattarella scende a patti con il ceto politico e zavorra Draghi

Come vedo il governo Draghi? E’ facile capirlo per chi legge questo blog e chi ha letto ieri, prima delle nomine, il mio articolo “Dal 2016 oggi finalmente torna l’uomo solo al comando” (qui sotto). La parte di governo che ha scelto Mattarella, i politici, sono una delusione per chi aveva grandi aspettative come me […]

L’appiattimento del Pd sui 5 Stelle è il vero problema della sinistra italiana

Tutti sappiamo chi siano le vedove inconsolabili di Conte fuori dai 5 Stelle. Come tanti pugili suonati, ormai incapaci di tornare in posizione eretta, dicono parole senza senso. Leggete il leggendario Andrea Orlando, ala sinistra del magnifico Pd 2021 nonchè vice di Zinga: (Radio24) Giusto insistere per un terzo mandato a Conte? “Sì, aver tenuto […]

Solo un psicanalista, Massimo Recalcati, può spiegare l’odio verso Renzi

A proposito di Renzi è toccato a Bersani nelle settimane della crisi a lasciarsi sfuggire il Witz che raduna attorno a lui una generazione di sconfitti. Non credevo alle mie orecchie di psicoanalista quando in televisione l’ ho ascoltato definire Renzi, in modo allusivo, come un eiaculatore precoce, ovvero come qualcuno che non si saprebbe trattenere, come un ragazzo alle prime armi di fronte al marasma dell’ eccitazione erotica.

L’unica cosa che ho imparato a scuola

Al quarto ginnasio appresi una lezione che mi sarebbe stata utile per tutta la vita, la posso riassumere così: ogni prof voleva sentirmi ripetere quelle esatte parole dell’unico libro di testo che conosceva. Compresi cioè che uno scemo dotato di buona memoria nella scuola italiana va alla grande, tutto è basato sulla ripetizione orale del […]

Riassunto di quel che Travaglio e tutti i maghi Othelma dicevano su Draghi

Senza vergogna. Leggete adesso con calma un sunto di quello che ha scritto Travaglio su Draghi e quello che hanno detto tanti altri. In questo modo spero capirete che gli opinionisti con i prosciutti sugli occhi e tutti quelli che hanno scambiato Giuseppi per un politico non vale la pena di seguirli. Mattarella non se l’è sentita più di lasciare gli italiani, nella tragedia più terribile dopo le guerre mondiali, nelle mani di Giuseppi, Crimi e Catarella.

Un paese irriformabile (di Michele Salvati)

Il grido d’allarme dell’economista Michele Salvati
“…è che non vedo una via d’uscita dalla situazione infelice in cui l’Italia si trova, una via d’uscita che sia, insieme, realistica e auspicabile. E non mi sento motivato a scrivere se la conclusione è: lasciate ogni speranza o voi che entrate. Detto senza riferimenti al Poeta: lasciate ogni speranza voi che vivete in questo disgraziato paese”.