6 min read 0

La strada tracciata dal governo Draghi per migliorare il potere d’acquisto

(Alberto Brambilla) Su 36,5 milioni di italiani in età da lavoro, lavorano solo 23 milioni (il 39% contro oltre il 51% dei nostri competitor), gli altri tra Neet, sussidi, reddito di cittadinanza e ammortizzatori sociali, se ne stanno a casa nonostante manchino bagnini, cuochi, camerieri, operai ecc.

5 min read 0

Il breaking bad della politica italiana

La campagna elettorale più inutile della storia finisce per far assomigliare la discesa agli inferi della Meloni a quella di Walter White, l’antieroe di Breaking bad, la serie più bella di tutte. La politica italiana avrà il 26 settembre il suo breaking bad, sbroccherà, e finirà male per tutti.

4 min read 0

Se Draghi fosse uno spartiacque e non una parentesi

(mario lavia) Il Partito democratico non ha capito che l’attuale presidente del Consiglio è uno spartiacque, un confine tra un prima e un dopo. Invece lo considera una parentesi, mancando l’appuntamento con i desiderata della maggioranza dei cittadini

3 min read 0

Francesco Guerrera/L’eredità di Draghi

Le bugie in malafede di Conte (reddito di cittadinanza e bonus 110%) e dei populisti di qualsiasi colore sono prive di qualsiasi fondamento. Con Draghi il nostro paese è cresciuto più di ogni altra economia del G7 nel secondo trimestre. Ma ora le cose stanno cambiando. Auguri a tutti noi, e che Dio ce la mandi buona

4 min read 0

Beppe Provenzano & Giuseppi campo largo campa cavallo

La linea politica del “campo largo” spiegata dall’ultimo maoista rimasto in Italia, Beppe Provenzano del pd. Interpretazione e parafrasi a vantaggio di tutti quelli che si considerano nel 2022 riformisti e non vogliono fare la rivoluzione proletaria mandando via Draghi

4 min read 0

Adesso Letta deve decidere se immolarsi con i grillini o dare vita all’area Draghi

(mario lavia) Per Bersani la soluzione va cercata in una somma delle varie anime di partiti diversi, Renzi invece propone di creare una nuova casa che prosegua le politiche dell’attuale presidente del Consiglio. Sono due strade antitetiche e il Pd dovrà scegliere se riprendere il fallimentare campo largo o contribuire al cambiamento del Paese

11 min read 0

Gratteri Falcone e Draghi

Giovanni Falcone, 30 anni dalla strage di Capaci: per gli italiani un eroe lasciato solo da politica e magistrati. Gratteri è isolato quanto Falcone? Ecco la domanda. E perchè dalla Gruber se l’è presa con Draghi?

5 min read 0

Il partito putiniano d’Italia

(Angelo Panebianco) Logorare il governo Draghi è ormai l’attività a tempo pieno di 5Stelle e Lega. Se fallisce l’azione del governo in materia di impiego dei fondi Recovery sarà impossibile contrastare gli effetti più drammatici della recessione e l’Italia si sarà definitivamente dimostrata totalmente inaffidabile agli occhi degli altri europei

4 min read 0

Mario contro Dario, non è tecnica contro politica

(luciano capone) Le tensioni tra Draghi e Franceschini sono state descritte come lo scontro tra “il tecnico” e “il politico”. Ma se si guarda il merito delle scelte, al di là di narrazioni e stereotipi, si vede che l’opposizione del premier a misure come il Bonus Facciate è sia tecnica che politica

12 min read 0

29 gennaio 2022 Draghi e Mattarella restano, che Dio ce li conservi

Il mio auspicio è stato accolto. I due fuoriclasse che abbiamo in questo momento storico politico restano ai loro posti dal momento che i nanetti coalizzati non sono riusciti a scalzarli. Leggete i miei ritratti dei nanetti in campo, fatti prima che la giostra delle illusioni avesse inizio. Speriamo che Draghi ora possa fare le riforme che aspettiamo dagli anni settanta dell’altro secolo. L’augurio che avevo scritto era che Mattarella “il Grande” trovasse la forza di rimanere per ricostruire il Paese con un uso saggio delle risorse del Pnrr (stavolta l’Europa adopera ” il prima vedere cammello e poi dare i soldi”, spiegatelo ai nanetti)

5 min read 0

D’Alema e la chiesa dei migliori contro il partito di Draghi

(alberto de bernardi) Il suo attacco alla stagione renziana, lanciato al rientro nel Partito Democratico, rivela il progetto, condiviso da altri membri del gruppo dirigente, di rifare l’ennesima reincarnazione comunista, di riprendere i rapporti con Giuseppe Conte e di mettere da parte Mario Draghi

6 min read 0

Franceschini il sommergibile

Dal 3 febbraio 2021, data in cui Mattarella ha conferito incarico del governo a Draghi, Dario Franceschini è rimasto in silenzio. Fa il ministro ma nessuno sa cosa pensa di Draghi, non ha sprecato una sola parola a sostegno del governo di cui pur fa parte. Un politico, il vero comandante in capo del Pd, che è una sorta di sommergibile della politica italiana: sopra, tutti si accapigliano, sotto il mare lui manovra e cospira. Invisibile, imperscrutabile, inamovibile, la versione comica di Forlani e Goria intrecciati

4 min read 0

Mattia Feltri, se l’Italia congeda Draghi preparate l’elmetto

Mattia Feltri, uno dei pochi giornalisti fuoriclasse (lo vedete mai in tv?) spiega per filo e per segno cosa è successo e cosa succederà al nostro Paese, in cui tanti nanerottoli ripetono ogni minuto che non abbiamo bisogno di Salvatori della Patria. Infatti. Di Mattarella e Draghi, uomini delle istituzioni, non sappiamo che farcene, andremo avanti con qualche imbecille che bivacca in tv a sproloquiare sul nulla, insieme con qualche no vax chiamato a spiegare lucidamente la sua follia

4 min read 0

Cosa ci serve ancora per capire che Draghi è meglio al governo che al Quirinale?

(mario lavia) Prima era stato il Financial Times, ora tocca all’Economist: il presidente del Consiglio ha ridato credibilità politica all’Italia e deve rimanere a Palazzo Chigi. In base a chi andrà al Colle, il 2022 sarà l’anno della promozione a grande Paese o del ritorno alla marginalità

2 min read 0

Sondaggi e paradossi: il governo Draghi piace più all’elettorato della Meloni che non a quello dei compagneros bersaniani

(francesco corbisiero, il foglio) Le rilevazioni di Sociometrica e Format Research mostrano il cortocircuito a sinistra sull’ex capo della Bce. E poi il no sul Quirinale: circa il 70 per cento degli italiani vorrebbe che il premier restasse a Palazzo Chigi. Promosso l’operato del governo su economia e contrasto alla diffusione del virus. L’effetto Draghi sul contesto politico italiano

4 min read 0

Chi controlla i controllori

(francesco cundari) Cari ministri, sindaci e aspiranti leader del centrosinistra, se non siete in grado di chiedere a un controllore di verificare il green pass, almeno risparmiateci le chiacchiere su come volete cambiare la società italiana, i trattati europei e l’economia mondiale

5 min read 0

Perchè porre fine alla politica Draghi se i risultati si vedono?

(francesco cundari) Un presidente della Repubblica che garantisca il massimo di continuità, Draghi ancora a Palazzo Chigi e una legge elettorale proporzionale che tolga di mezzo il bipolarismo isterico e paralizzante di questi anni sono scelte che si tengono l’una con l’altra, e che dovrebbero risultare persino ovvie alla luce dell’esperienza di questi mesi

4 min read 0

Il mio partito Beniamino è già nato e ve lo spiego

L’immagine di Beniamino Placido, un intellettuale rimasto fedele sino all’ultimo agli ideali di “Giustizia e Libertà” e che se vivesse in questi giorni, nel dopo Draghi, sentirebbe come me che la politica italiana sta ritrovando un’istanza riformista e perciò sta sconfiggendo il bipopulismo.

4 min read 0

Franceschini Travaglio Conte Meloni e Salvini ve lo direbbero subito

Il fatto è che in Italia una sorta di «presidenzialismo di fatto» c’è già, ed è stato introdotto quando si è consentito di portare sulla scheda elettorale, inserendolo surrettiziamente nel simbolo delle coalizioni, il nome del leader dell’alleanza, producendo così una simulazione di elezione diretta.