L.Battisti/ La canzone del sole o dell’italiano?

Da oggi le canzoni di Battisti-Mogol sono online. Ecco la mia canzone preferita di Lucio.

Immaginiamo che “La canzone del sole” fosse stata “La canzone dell’italiano”, per esempio:

Le bionde trecce, gli occhi azzurri e poi 

La mia famiglia, moglie e figli e poi  

Le tue calzette rosse 

Le tue cambiali vecchie  

E l’innocenza sulle gote tue 

E l’impazienza a far le file noi  

Due arance ancor più rosse 

Avanti più non posso 

E la cantina buia dove noi 

E quel lavoro finto dove noi 

Respiravamo piano 

Non ci stanchiamo tanto  

E le tue corse e l’eco dei tuoi no, oh no 

E lotterie e gratta e vinci no, oh no

Mi stai facendo paura

Ci fan cercare la luna

Dove sei stata cosa hai fatto mai?

In tanti anni cosa hai fatto mai?

Una donna, donna, dimmi

Una truffa, truffa, sola

Cosa vuol dir “sono una donna, ormai”?

Cosa vuol dire “fare una truffa, ormai”?

Ma quante braccia ti hanno stretto, tu lo sai

Ma senza figli si vive meglio, tu lo sai

Per diventar quel che sei

Per poter far quel che vuoi

Che importa, tanto tu non me lo dirai, purtroppo

Che ti frega, tanto la vita è così, purtroppo

Ma ti ricordi l’acqua verde e noi

Io mi ricordo i mondiali e poi

Le rocce e il bianco in fondo

Pertini e Alfredino

Di che colore sono gli occhi tuoi?

Ma che futuro vedon gli occhi tuoi?

Se me lo chiedi non rispondo

Se te lo chiedi non sai dirlo

O mare nero, o mare nero, o mare ne

O italiano, o italiano, o italià 

Tu eri chiaro e trasparente come me

Tu eri furbo ed indigente come me

O mare nero, o mare nero, o mare ne

O italiano, o italiano, o italià 

Tu eri chiaro e trasparente come me

Tu eri furbo ed indigente come me

Le biciclette abbandonate sopra il prato e poi Automobili prese a rate sotto il sole e noi
Noi due distesi all’ombra Noi che sbagliamo i conti
Un fiore in bocca può servire sai In ferie ad agosto non andiamo mai
Più allegro tutto sembra Magari a settembre
E d’improvviso quel silenzio fra noi E gli imprevisti quelli vengon sai

E quel tuo sguardo strano E non sembra strano
Ti cade il fiore dalla bocca e poi Vi casca il mondo addosso e voi:
Oh no, ferma ti prego la mano “Eh no, presto che faccio la foto”
Dove sei stata, cos’hai fatto mai? Santo destino, e stai in posa dai
Una donna, donna, donna, dimmi Laa sorte, gira, gira sempre
Cosa vuol dir sono una donna ormai Come puoi dir sono in balìa ormai?
Io non conosco quel sorriso sicuro che hai Io non ricordo nessuno sicuro di sè
Non so chi sei, non so più chi sei Non so perchè, non so più perchè
Mi fai paura oramai purtroppo Mi fa paura la vita purtroppo
Ma ti ricordi le onde grandi e noi Ma ti rammenti le speranze e noi

Gli spruzzi e le tue risate Giovani e pure audaci
Cos’è rimasto in fondo agli occhi tuoi Cos’è rimasto dentro il cuore tuo
La fiamma è spenta o è accesa? Instagram twitter o facebook ?
O mare nero, o mare nero, o mare ne
O italiano, o italiano, o italià 
Tu eri chiaro e trasparente come me Tu eri falso ed indigente come me