5 min read 0

ALBERTO MINGARDI SPIEGA LA FINE CHE HA FATTO IL RIFORMISMO ITALIANO

”Credo che la divisione tra politica ed economia sia più importante della divisione dei poteri elaborata da Montesquieu” così Beniamino Andreatta nel 1992.
E adesso? Adesso tenere lontani i partiti dall’economia non è più una priorità: semmai è vero il contrario. I riformisti erano pochi ma influenti, ora sono zero e zero contano.

7 min read 0

GUIA SONCINI/ROCCO E IL SUO ANELLO

Guia Soncini scrive un articolo che nessuno dovrebbe perdersi, per capire la commedia all’italiana del Conte Casalino. La sinistra italiana si è affidata a questi personaggi per…fermare Salvini! ” Cubano che sta col portavoce del Presidente del Consiglio percepisce indennità di disoccupazione e se la gioca in Borsa fornendo gli scontrini dei croccantini. La realtà supera la commedia all’italiana”

5 min read 0

M. LAVIA/LA SINISTRA RIPARTA DA GIUSEPPE CONTE

La tattica del Partito democratico di tenere Salvini fuori dal governo per ora ha funzionato, ma la strategia di conquistare i voti dei Cinquestelle è fallita completamente. Al contrario ha ridato vita ai grillini e ha convinto i Dem a rinunciare alle ambizioni di leadership per affidarsi mani e piedi al Presidente del Consiglio

4 min read 0

9STANTE TUTTO/ JUVE 9

Riassunto del nono scudetto. I protagonisti, le comparse, le scomparse e i cretini che scrivono e parlano di calcio soltanto perchè odiano la Juve. Dopo 9 anni ormai sono alla frutta, peggio del povero Cuadrado che abbiamo visto ieri con la Sampdoria

2 min read 0

BONUCCI LA POSIZIONE DI RENDITA

Lo scellerato Bonucci. Ritratto di un difensore considerato da tutti un fuoriclasse senza che nessuno sappia spiegare perchè

5 min read 0

SCUOLA/UN SINDACALISTA E UN CALZOLAIO

I sindacati scuola governano da sempre la scuola italiana, scaricando tutte le problematiche sul governo in carica. Lo fanno svolgendo nè più nè meno il loro lavoro ma preferendo raccontare che sono dalla parte di studenti e famiglie. E’ arrivato il momento, dopo la pandemia, di ricordare loro un enigmatico personaggio del film Pulp Fiction, Mr. Wolf, che con eleganza spiegava il suo lavoro affermando “Risolvo problemi”. In realtà era un incrocio tra un serial killer e un agente segreto.

3 min read 0

AZZOLINA PRESIDI E SINDACATI

Sul Corsera Gianna Fregonara, la giornalista che si occupa a tempo pieno di scuola scrive che la ministra Azzolina è un ex preside. Ma è una inesattezza. (LEGGI TUTTO)

1 min read 0

COME RICONOSCERE UN POPULISTA

I populisti di tutto il mondo di qualsiasi genere e colore si riconoscono per una […]

2 min read 0

MORRICONE E CARLEI/ L’INCONTRO MANCATO

Un ricordo del grande Morricone attraverso il racconto di un episodio vero che riguarda il Maestro e il regista lametino Carlo Carlei.

1 min read 0

Lamezia Terme visita guidata

Guardate questa foto: siamo nel 2020 a viale Stazione di Nicastro e sullo sfondo c’è […]

5 min read 0

MA QUANTO SONO BRAVI I DOCENTI DI REPUBBLICA

LA VITA AGRA DEGLI INSEGNANTI è un lungo reportage, a cura di Calo Bonini, di “Repubblica”: viaggio inchiesta nel mondo dei docenti italiani (835mila ma 200 mila precari)
Lunghissimo, ma l’ho letto volentieri. Per chi non volesse o non potesse leggerlo, dico subito che esso è istruttivo. Ma non sulla scuola italiana, piuttosto sul modo preferito di raccontare la scuola da parte di Repubblica, senza voler fare i conti con la realtà. Perchè la foto della scuola italiana si preferisce farla sempre usando Fotoshop e facendo parlare i docenti migliori, quelli che tirano la carretta? Perchè si preferire spacciare la parte per il tutto, vedere il bicchiere mezzo pieno invece di analizzare luci ed ombre della scuola?

2 min read 0

SCEGLIERE RENZI O TRAVAGLIO?

Consiglio a tutti l’articolo sul Corriere di Fabrizio Roncone su Renzi (pilastro del premier o […]

9 min read 0

CONTE TIRA A CAMPARE SENZA GOVERNARE

Nella fase più complicata della vita della Repubblica, il governo decide di sopravvivere a se stesso senza governare e senza mettere in atto alcuna scelta che possa metterne a rischio la durata, anche a danno dell’interesse del paese. La logica peraltro è coerente con la partenza del governo e gli interessi dei suoi sostenitori o almeno la maggior parte di essi. Il governo nasce “contro” e non “per”, come la maggior parte delle coalizioni di sinistra negli ultimi 30 anni. Invece dello storico nemico Berlusconi, oggi il nemico è Salvini, ma la logica è sempre la stessa.

1 min read 0

IL GOVERNO COLIBRI’

IL GOVERNO COLIBRI’ “(…) tu sei un colibrì perché come il colibrì metti tutta la […]