“29 SETTEMBRE” DI BATTISTI DIVENTA “TROISI”

Seduto in quel caffè PENSAVO COSA C’E’
Io non pensavo a te IN FONDO AI MIEI PERCHE’
Guardavo il mondo che  GUARDAVO UN FILM CHE
Girava intorno a me  RICOMINCIA DA TRE
Poi d’improvviso lei sorrise POI D’UN TRATTO MI SENTII TROISI

E ancora prima di capire E COME LUI VOLLI/ VEDERE
Mi trovai sottobraccio a lei COMINCIAI TANTE VOLTE DA TRE
Stretto come se non ci fosse che lei SPESSO COME SE NON CI FOSSE CHE TRE

Vedevo solo lei MA ERA SOLO UN FILM
E non pensavo a te E NON SAPEVO CHE
E tutta la città SE QUELLA VERITA’
Correva incontro a noi PARLASSE ANCHE A NOI
Il buio ci trovò vicini GAETANO DIVENTO’ OSCURO
Un ristorante e poi UN ROMPICAPO E POI
Di corsa a ballar sottobraccio a lei ATTORE/ E PERO’ ASSOMIGLIA A NOI
Stretto verso casa abbracciato a lei PERSO/ DIETRO SOGNI AFFIDATI A LUI
Quasi come se non ci fosse che QUASI COME SE MASSIMO C’E’
Quasi come se non ci fosse che lei QUASI COME SE MASSIMO C’E’

Quasi come se non ci fosse che QUASI COME SE MASSIMO C’E

Quasi come se non ci fosse che lei QUASI COME SE MASSIMO C’E

Mi son svegliato e  MI SON ALZATO E
E sto pensando a te E STO PENSANDO A TE

Ricordo solo che  SI VIVE, SOLO CHE
Che ieri non eri con me TROISI PIU’ NON C’E’


Il sole ha cancellato tutto IL TEMPO HA CANCELLATO TUTTO
Di colpo volo giù dal letto CI DICE QUALCHE NOSTRO GUITTO
E corro lì al telefono ED ECCO QUI LA RISPOSTA:

(VOCE PREDICATORE): RICORDATI CHE DEVI MORIRE
Parlo, rido e tu, tu non sai perché SI, SI, NO, MO’ ME LO SEGNO
T’amo, t’amo e tu, tu non sai perché SI, SI, NO,MO’ ME LO SEGNO
Parlo, rido e tu, tu non sai perché SI, SI, NO,MO’ ME LO SEGNO
T’amo t’amo e tu, tu non sai perché SI, SI, NO,MO’ ME LO SEGNO
Parlo, rido e tu, tu non sai perché SI, SI, NO,MO’ ME LO SEGNO
T’amo, t’amo e tu, tu non sai perché SI, SI, NO,MO’ ME LO SEGNO